Spazi verdi

© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné
© Rafael López-Monné

Parchi con storia

Suo padre era mezzadro del Mas dels Arcs. Quando gli chiedemmo di poter piantare vigne in quell'angolo dinanzi alla fattoria, la risposta fu un no categorico, di una gravità insospettata, per niente abituale.  Dopo pochi giorni, ci svelò il mistero. La fattoria era stata ospedale durante la Guerra dei Francesi e sottoterra, in quell'angolo dell'appezzamento, riposavano centinaia di corpi di soldati francesi morti; soldati del grande Bonaparte, gli stessi che avevano ridotto in fuoco e fiamme la città. Troppo dolore per farne vino.

Anni dopo, i fratelli Puig i Valls vi erissero una croce e piantarono dei cipressi. Questi soggetti erano appassionati di alberi, fermi difensori degli effetti di civilizzazione e terapeutici dei boschi. Ancora oggi, è possibile ammirare la croce e le rovine della fattoria all'interno del parco del Pont del Diable (Ponte del Diavolo), a pochi metri dall'acquedotto romano delle Ferreres.