Calendario di feste e attività culturali e sportive 2020

Tarragona è una città di luce e colori. Il clima e il carattere mediterraneo, l’ambiente accogliente delle sue strade e l’ospitalità della sua gente la convertono in un grande spettacolo ludico, festivo e culturale all’aria aperta. Tarragona è sinonimo di festa e la festa si vive sulla strada. Il calendario festivo della città si estende per tutto l’anno e offre la possibilità di godersi le feste tradizionali locali e dell’ intera regione catalana.

Scarica l'archivio PDF

© Pep Escoda
5 gennaio

I tre Re d'Oriente sbarcano in città, dopo un lungo viaggio, per esaudire i desideri di grandi e piccini. I bambini aspettano con impazienza i Magi che arrivano all'Escala Reial (Scalo Reale) per percorrere la città accompagnati da paggi e carrozze.

2 febbraio

Sentirsi come dei campioni olimpici per un giorno all’Anello Mediterraneo di Tarragona è possibile.

Partecipate alla SB Hotels Marató Tarragona, pienamente consolidata nel calendario sportivo di Tarragona e punto di riferimento nel calendario nazionale delle gare atletiche.

© Alba Rodriguez
1-16 febbraio

Il mese di febbraio porta in città un ciclo musicale, dove il flamenco è il protagonista. Figure di spicco e artisti locali riconosciuti a livello internazionale saranno presenti in un ciclo di spettacoli, concerti, laboratori e mostre.

© AQ
1-29 febbraio

I ristoranti della Part Alta (centro storico) offrono menù per tutte le tasche.

© Tarragona turisme
15-25 febbraio

Per una settimana, le strade si riempiono di colori e musica, per celebrare la grande festa del re del divertimento.
Il pezzo forte è la grande sfilata del sabato: il carro dell’Artigianato, senza dimenticare i concerti e la degustazione della tipica butifarra (insaccato) all'uovo. 

1-19 luglio

20 dei migliori ristoranti della città offriranno menu con il riso alla marinara come protagonista, ad un prezzo che va dai 15 euro ai 50 euro e che comprendono un antipasto o primo, un secondo, dessert, acqua, pane e vino inclusi.

© Pep Escoda
17-19 agosto

È la festa maggiore del patrono della città che viene animata da elementi popolari come il Magí de les Timbales, figure giganti, i Gegantons Negritos, i nani, i bastoners (gruppi di danze popolari con bastoni), ecc. che si riuniscono tutti per accompagnare l’acqua di San Magí, elemento essenziale della festa.

© Manel R. Granell
16 agosto

È la festa di una delle strade più note della Parte Alta della città (centro storico) e una delle più tradizionali. Il cannone dà il colpo di inizio del corteo durante il quale i suoi “giganti” e altri elementi popolari, rallegrano il quartiere. I “giganti” chiamati “Cós del Bou” (lett. “corpo del bue”), noti anche come “Giganti Vecchi”, sono i più antichi della città (1825) e sono stati regalati dal Comune ai cittadini della via Cós del Bou nel 1904.

© Albert Rué
2-5 settembre

Il Festival Internazionale di Teatro di Tarragona ha come obiettivo quello di concentrare in questa città le nuove drammaturgie d’autori e registi contemporanei di diversa provenienza, nazionali o internazionali. Una porta aperta ai nuovi talenti che viene rappresentata in varie lingue. La principale caratteristica è che, attraverso queste nuove drammaturgie, si occupano spazi non teatrali, bensì luoghi emblematici o storici della città.

© Manel R. Granell
11 settembre

Tarragona vive la Diada de Catalunya (festa nazionale) con le tradizioni catalane per eccellenza: le sardanes (danza popolare) e i castells (torri umane).

© Pep Escoda
15-24 settembre

Non esiste un'epoca così viva e sentita come la festa grande, Santa Tecla. Nel 1996 è stata dichiarata d'Interesse Nazionale dalla Generalitat, nel 2002 è stata dichiarata d'Interesse Turistico dal Governo e nel 2010 Festa Patrimoniale d'Interesse Nazionale dalla Generalitat. Le origini di questa festa di strada risalgono
al 1321, quando arrivò dall'Armenia la reliquia del braccio della Patrona.

© Pep Escoda
11-18 ottobre

Tarragona viaggia nel tempo fino a una tappa di grande splendore della città: l'epoca romana. In queste giornate internazionali di divulgazione storica, destinate a diffondere la cultura romana con il massimo rigore scientifico, il visitatore vive la Tarraco romana attraverso rappresentazioni storiche, come la lotta dei gladiatori, il teatro romano, la musica, la danza e le rappresentazioni di attività della vita quotidiana. Il tutto, in una cornice incomparabile: i recinti monumentali dichiarati Patrimonio Mondiale dall'UNESCO.

© Manel Antolí (RV Edipress)
1-18 ottobre

Giornate gastronomiche che formano parte della Tarraco Viva, le giornate internazionali di divulgazione storica romana. Numerosi ristoranti della città partecipano a quest’evento, recuperando ricette dell’epoca romana.

1-18 ottobre

Menù nei ristoranti della città e attività parallele dove il protagonista è il romesco, il piatto di Tarragona per eccellenza.

Fine ottobre-inizi di novembre

Terrore, sortilegi, spiriti e leggende di Tarragona.

© Manel R. Granell
1 novembre

I punti vendita di castagne abbrustolite riempiono le strade. I panellets (dolce di marzapane) delle pasticcerie e i fiori per i defunti sono i protagonisti di questo giorno.

© Mag Gerard
6-27 novembre

Il mondo dell’illusionismo si da appuntamento sui palcoscenici di Tarragona, per offrire una selezione dei migliori spettacoli di magia del momento.

© Alberich Fotògrafs
Fine novembre - inizi di dicembre

Fiera presso la quale è possibile degustare i diversi tipi di olio di Denominazione di Origine Protetta di Siurana.

© Jaime Rojas
2-8 dicembre

Mostra nazionale e internazionale di lungometraggi del genere fiction o documentale. Una grande opportunità per conoscere nuovi registi e riscoprire registi già noti attraverso le loro opere prime.

Per divertirsi con film in prima visione, nuovi registi, scoperte, emozioni e molto altro ancora.

© Montse Riera
Dicembre

Sin dai primi giorni di dicembre, Tarragona s’illumina per celebrare le feste di Natale, e riempire di vita le sue strade con il mercato di Natale e artigianale.
Si rivivono due tradizioni molto radicate: il “tió” (tronco che dà regali ai bambini) e i presepi esibiti nei locali di varie associazioni e nei parchi della città. Le feste si completano con varie attività natalizie: rappresentazione dei Pastori, canti di Natale e il parco infantile di Natale, tra le altre cose.

Fine dicembre-inizi di gennaio

Il Parco di Natale di Tarragona accoglie ogni anno più di 35 laboratori e attività per la gioia dei più piccoli e per far vivere loro lo spirito natalizio.

© Pep Escoda
31 dicembre

È una tradizione catalana. Un pupazzo, con tanti nasi quanti sono i giorni che mancano alla fine dell’anno (un grande naso), passeggia per le strade della città distribuendo caramelle ai più piccini.

Ti può interessare anche...